La guida per avere fotografie spontanee al tuo matrimonio

Pensa come sarebbe bello avere l’opportunita’ di vivere il giorno delle nozze in modo sereno, poter esprimere le tue emozioni senza essere assillata dal fotografo ed avere fotografie in cui sei realmente spontanea, in cui “ti vedi”!

Per non trovarti il giorno del matrimonio ad improvvisare, evitare sorprese quando sfoglierai l’album ed avere garanzia di un risultato in sintonia con le tue aspettative, occorre agire in anticipo, mesi prima delle nozze con consapevolezza e metodo.

Nelle righe seguenti troverai 5 consigli per avere fotografie spontanee al tuo matrimonio. Si tratta di alcuni veloci spunti di riflessione e primo orientamento per pianificare il servizio fotografico.

1) Crea un percorso di avvicinamento al matrimonio

Riuscire a realizzare immagini spontanee non è l’esito di una magia o frutto del caso. Un buon risultato fotografico è garantito da un lavoro di pianificazione e dell’alchimia che si crea tra voi e colui che scatterà le foto.

Ecco alcuni elementi da tenere in considerazione:

  • chiedersi quanto sono importanti per sé le fotografie per ricordare il giorno del matrimonio;
  • dedicare il tempo necessario alla pianificazione del servizio fotografico;
  • provare ad immaginare come si desidererebbe vedersi ritratti immaginando in anticipo di sfogliare l’album;
  • capire che tipo di emozione suscita il pensiero di trovarsi davanti all’obiettivo. Timore? Pudore? Ritrosia? E poi verificare sul campo mettendosi alla prova.
  • predisporre una checklist di azioni specifiche connesse alla preparazione del servizio fotografico ed indicare le scadenze sul calendario.

2) Inizia a “rompere il ghiaccio” davanti all’obiettivo

Per la mia esperienza, la cosa migliore da fare in vista del matrimonio è provare, sperimentare. Qualche mese prima delle nozze, riservate qualche ora per farvi scattare qualche foto di coppia, un mini servizio fotografico. Oltre ad essere utile per capire le vostre sensazioni davanti alla fotocamera, è anche un’esperienza divertente che vi permetterà di non avere troppi pensieri ed ansie il giorno delle nozze. Infatti vi consentirà di far emergere eventuali criticità, che potrebbero compromettere il buon esito del servizio e valutare i necessari correttivi quando è ancora possibile intervenire.

Il servizio prematrimoniale rappresenta una fase molto importante da non sottovalutare. Per come intendo io la fotografia di matrimonio, il racconto per immagini inizia molto prima del giorno della cerimonia e la sessione prematrimoniale rappresenta il primo atto che sancisce, attraverso una testimonianza visiva, la concretizzazione sociale del percorso della coppia. Inoltre offre l’opportunità di iniziare a familiarizzare con il fotografo. Anche il luogo e l’abbigliamento dovrebbero essere scelti con cura in modo da rispecchiare lo stile dei futuri sposi. Se desideri approfondire l’aspetto “cosa mi metto per fare le foto?”, in un articolo che ho scritto qualche tempo fa sulla fotografia di famiglia, tra le altre cose ho fornito qualche veloce dritta in proposito. Il post lo trovi qui.

3) Visiona le foto realizzate

Molto importante è visionare le foto scattate per capire quali sono quelle che preferite e quali caratteristiche hanno quelle che vi piacciono di più. L’espressione del vostro volto è rilassata? E’ un momento di grande connessione emotiva con il partner difficilmente documentabile? Vi identificate pienamente?

Questa analisi vi permetterà di rendervi conto di eventuali criticità in tempo utile per apportare i necessari correttivi, individuare le “linee guida” a cui ispirarvi e valutare come proseguire il percorso di preparazione del servizio fotografico. Oltre agli aspetti pratici legati alla preparazione del servizo fotografico, avrete un’ulteriore occasione di incontro e relazione con il fotografo durante la quale potrete approfondire la conoscenza reciproca.

4) Ripercorri in anticipo “il film” della giornata

Non sottovalutate l’importanza dell’organizzazione per raggiungere l’obiettivo di avere fotografie come desiderate. La tranquillità garantita dalla pianificazione si tradurrà in minore tensione sui vostri volti e di conseguenza in maggiore naturalezza.

A pochi giorni dal “Si”, fate un check finale in cui verificare che tutto ciò che vi sta a cuore sia a posto. Inoltre visualizzate insieme quello che io chiamo il “film della giornata” ripercorrendo i momenti più significativi da non perdere dal punto di vista fotografico.

Eccoli riassunti brevemente di seguito:

    • il momento della preparazione di entrambe gli sposi

Il momento della preparazione è molto importante non solo per la sposa. Fino a non molti anni fa infatti, in questa situazione, si era soliti ritrarre solo la sposa. Fortunatamente i costumi sono cambiati e progressivamente si sta consolidando la prassi di fotografare anche i preparativi dello sposo. Questo potrebbe sembrare poco significativo, ma in relatà non lo è affatto in quanto la preparazione è l’unico momento della giornata durante il quale gli sposi non sono a diretto contatto. Per cui se non ci fossero le foto a raccontare anche gli istanti della preparazione dello sposo, questi sarebbero persi per sempre.

    • il tragitto verso la chiesa o verso il luogo dove avverrà la celebrazione civile

Anche il tragitto che separa gli sposi dalla chiesa o della celebrazione civile, è ricco di situazioni fotografiche che contribuiscono a rendere più completa la narrazione della giornata.

    • l’arrivo e l’ingresso in chiesa

E’ un momento ad alto valore simbolico durante il quale gli sposi sono attesi da tutti gli invitati, durante il quale il papà della sposa “consegna” la figlia nelle mani accoglienti di colui che si occuperà di lei per il resto della vita. In questi fugaci attimi si possono cogliere espressioni di autentica gioia ed emozione molto significative.

    • la funzione religiosa o civile

Spesso sottovalutati, i momenti durante la funzione possono offrire una serie di occasioni fotografiche molto interessanti legate non solo alla relazione tra gli sposi ma anche tra i loro parenti ed amici. Vale la pena prestare attenzione non solo all’ingresso ed allo scambio degli anelli.

    • il momento dello scambio degli anelli

Il momento per eccellenza che sancisce e consacra l’unione. E’ stimolante provare ad andare oltre le consuete inquadrature, per provare a sperimentare visioni personali del momento.

    • l’uscita dalla chiesa ed il lancio del riso

Al di là dello scenografico lancio del riso, anche l’uscita dalla chiesa riserva spesso sorprese inaspettate, soprattutto se l’approccio è “candid”, finalizzato a cogliere la spontaneità nei volti e nei gesti di sposi ed invitati.

    • la sessione fotografica dedicata agli sposi

Durante la piena e convulsa giornata, il momento di riprese dedicato esclusivamente alla coppia è un momento molto importante. E’ l’occasione per esplorare ed approfondire con lo strumento fotografico la relazione tra gli sposi in una situazione di maggiore rilassamento rispetto alle precedenti. Il fatidico “Si” è stato pronunciato e gli sposi si possono dedicare completamente uno all’altro offrendo la possibilità a noi fotografi di cogliere situazioni ad alto tasso emotivo. Credo sia un grande privilegio poter essere testimoni di istanti così intimi della coppia.

    • il ricevimento

Personalmente ritengo il ricevimento una fase importantissima della giornata. E’ il periodo durante il quale i novelli sposi possono finalmente godersi la vicinanza dei loro ospiti per un tempo maggiore rispetto alle fasi precedenti e soprattutto in totale relax. E’ un’ottima occasione per raccontare emozione, divertimento, commozione, riflessione ed anche perchè no la stanchezza che inizia ad affiorare al temine di una giornata veramente intensa.

    • il taglio della torta

Altro frangente significativo è quello del taglio della torta durante il quale gli sposi sono al centro dell’attenzione, circondati dall’affetto di tutti i loro ospiti. Alcune coppie in questa circostanza pronunciano un discorso di ringraziamento. Anche questa occasione offre numerose possibilità di cogliere momenti di reale emozione.

    • la festa ed i balli

Infine dopo le “fatiche” della giornata tutti possono rilassarsi totalmente e lasciarsi finalmente andare a ritmo di musica. Dal punto di vista fotografico i balli offrono tantissime opportunità per realizzare immagini suggestive e divertenti.

5) Goditi la giornata in serenità

Infine dopo mesi di preparazione, il meritato premio! Grazie infatti al lavoro fatto in precedenza per ottenere il miglior risultato fotografico possibile, potrete finalmente affacciarvi alla giornata del matrimonio con la voglia di godervi pienamente ogni momento insieme alle persone che amate senza alcun pensiero o ansia che potrebbero disturbarvi. Se avete fatto un buon lavoro di squadra con il fotografo, il risultato è garantito e sarà anche per merito vostro, non solo per la sua capacità di cogliere gli istanti decisivi.

Se desideri conoscere le domande più efficaci da porre al fotografo di matrimonio per ottenere le informazioni più utili per organizzare al meglio il servizio fotografico che hai sempre desiderato, ho preparato la guida gratuita “Cosa chiedere al fotografo di matrimonio”. Puoi ottenerla visitando questa pagina.

Bene.., ora direi che siete proprio pronti per affrontare il servizio fotografico del vostro matrimonio. Buone foto!

Se questo articolo ti è stato utile condividilo cliccando sui pulsanti qui sotto.

E’ tutto!

WeCreativez WhatsApp Support
Se desideri maggiori info e per iniziare a conoscerci, scrivimi un messaggio Whatsapp
👋 Ciao, come posso aiutarti?